Skip to content

Binance lista la stablecoin AEUR dell’emittente Anchored Cash


Ieri, Binance ha listato la stablecoin AEUR, gestita ed emessa dalla società svizzera regolamentata FINMA Anchored Cash.

La moneta è peggata all’euro ed è garantita al 100% da un deposito presso una banca di riserva designata, che è controllata da un ente di terze parti indipendenti come Prescient Assurance.

Il itemizing su Binance riflette l’impegno dell’change nel conformarsi alle direttive imposte dall’Europa nella normativa “Markets in Crypto-Asset” (MICA) sul tema stablecoin.

Possiamo dunque credere che questa sia la prima valuta “compliante” sostenuta dal chief di scambi del settore, che poco fa è stata multato dal DOJ per oltre 4 miliardi di dollari a causa dell’inosservanza di alcuni leggi statunitense.

Il debutto della moneta di Anchored Cash non è stato però così brillante.

Vediamo tutti i dettagli di seguito.

Binance e il itemizing della stablecoin AEUR emessa dalla società svizzera Anchored Cash

Binance appena 2 settimane fa è stata multata per 4,3 miliardi di dollari dal DOJ per violazione delle leggi antiriciclaggio statunitensi ma ora sta provando advert adeguarsi alle norme europee europee abbracciando una stablecoin compliante, peggata all’EURO  ed emessa da Anchored Cash.

Quest’ultima è una società svizzera autorizzata e regolamentata FINMA che offre supporto di minting e redeem nel campo stablecoin, con un impegno dichiarato sul fronte conformità con le regolamentazioni in Europa.

Anchored Euro (AEUR), listata sull’change ieri in 4 coppie di scambio che includono BTC, ETH, USDT ed EURO, fornirà un opzione alternativa sicura per il buying and selling degli utenti in quanto risorsa coperta al 100% da una garanzia presso una banca di riserva.

Per garantire la trasparenza delle operazioni su blockchain Anchored Cash sarà sorvegliata da un auditor indipendente, ovvero dalla società chief nel settore di certificazioni B2B Prescient Assurance.

Il itemizing della stablecoin riflette l’impegno preannunciato dell’change di adattarsi alle direttive imposte dalla normativa Markets in Crypto Belongings (MICA), redatta dal Parlamento Europeo advert aprile di quest’anno.

AEUR diventa così la prima risorsa crittografica integrata su Binance che risulta compliante con le norme europee in tema di valute decentralizzata legate al valore di monete FIAT, le quali dovrebbero entrare in vigore nei prossimi mesi.

La piattaforma chief nei crypto scambi ha lanciato un periodo di zero buying and selling charges sulle coppie BTC-AEUR, ETH-AEUR, AEUR-USDT e EUR-AEUR per supportare l’iniziativa che perdurerà fino a nuove indicazioni.

Gli utenti possono dunque sfruttare questa promozione per risparmiare sui costi di commissioni durante le operazioni di buying and selling.

Il debutto della stablecoin di Anchored Cash non è stato però così brillante e non ha attirato molta la partecipazione del grande pubblico.

Di fatto nelle prime 9 ore di contrattazioni i volumi di scambio registrati su tutti i buying and selling pairs sono stati a malapena di 7 milioni di euro.

BTC ed ETH hanno attirato poco più di 250 mila euro di capitali in questo contesto, cifra enormemente distante da quella che ogni giorni l’change registra con altre stablecoin come USDT, USDC e DAI.

Un po ‘ come tutte le valute crittografiche peggate all’euro, anche questa moneta sembra dover affrontare grandi sfide nel fronte dell’adozione mondiale, ancora in gran parte subordinata alla dominanza del dollaro come moneta FIAT.

Attualmente infatti il 99,34%  delle secure presenti su Ethereum è riferita a criptovalute con peg USD.

L’impegno di Binance nell’adeguarsi alla compliance imposta da MiCA sul lato stablecoin

Il itemizing di AEUR, criptovaluta emessa da Anchored Cash, è motivato dall’impegno già dichiarato mesi fa di Binance di adeguarsi a quelle che sono le indicazioni del MICA nel comparto stablecoin.

La normativa impone regole exact per gli emittenti di tali risorse come advert esempio un limite dei volumi di transazioni per le secure non peggate all’euro, che devono obbligatoriamente rimanere  al di sotto della media trimestrale di 200 milioni di EUR al giorno e di 1 milione di transazioni al giorno.

L’ente coinvolto nelle pratiche di minting e redeem deve poi soddisfare alcuni requisiti ed avere le dovute licenze per poter operare in questo contesto.

Già advert aprile Changepng Zhao, ex CEO di Binance che ha dato le sue dimissioni poco fa, aveva detto che l’change si sarebbe preparato advert apportare  modifiche alla sua attività per essere in una posizione di piena conformità.

CZ aveva chiarito in quell’occasione che la regolamentazione del settore crypto imposta dalla Commissione Europea con regole chiare e ben particular  rappresentava un’opportunità di crescita per l’intera industria.

Con molta probabilità Binance in quel periodo stava cercando soluzioni per implementare stablecoin sostenute da società autorizzate come Anchored Cash, con cui è riuscita finalmente a giungere advert un accordo commerciale.

Ora però Richard Teng, attuale amministratore delegato della piattaforma di scambi, sembra avere un visione ancora più ampia per la società, ovvero di diventare il crypto change   “più regolamentato a livello globale”

Il suo curriculum, che vede un passato come CEO per l’autorità di regolamentazione locale Abu Dhabi World Markets fa ben sperare che Binance possa finalmente risolvere le attuali tensioni con diversi enti di vigilanza internazionali, diventando definitivamente compliante.

C’è chi pensa che la recente multa da 4,3 miliardi possa essere vista  metaforicamente come “la quota” da dover pagare per poter scontare le irregolarità svolte in passato e passare advert un period di trasparenza e regolarità.

L’augurio che facciamo a Bilance, e più in generale all’intero settore crypto, è che Teng possa riuscire a plasmare un quadro normativo globale, che favorisca l’innovazione, tutelando gli interessi dei consumatori. 

Dopo diversi anni in cui  molti soggetti si sono battuti per poter operare legalmente nel territorio internazionali con tecnologie disruptive come quelle della blockchain e delle crypto, in Europa siamo giunti per fortuna advert un punto di svolta, percorribile da gran parte degli attori del mercato.



continue reading